News

Libri ‘speciali’ per persone ‘speciali’ (libri antichi in carta blu)

Si deve ad Aldo Manuzio l’avvio della stampa su cara blu o turchina, in alternativa alla più dispendiosa pergamena, per realizzare nel 1514 alcune copie di pregio dei “Libri de re rustica”.

Questo uso si estense dapprima ad alcuni tipografi veneziani (ad es. Gabriele Giolito) per coinvolgere successivamente molti tipografi attivi in varie città italiane. Il suo utilizzo lo ritroviamo in opere di carattere accademico, descrizioni di feste, scritti d’occasione in prosa e poesia o per celebrare illustri nascite e unioni regali … L’esemplare in carta azzurra diventò così un modo per onorare il destinatario in quanto dedicatario dell’opera, protettore, finanziatore, stimato professore, sodale della medesima accademia, caro amico o donna amata …

Una interessante selezione di opere stampate su carta blu può essere ammirata in questi giorni presso la nostra sede. La mostra è stata curata dalla dott.ssa Margherita Palumbo ed espone opere di proprietà della libreria Philobiblon di Roma.

E’ aperta fino a domenica 12 marzo ed è accessibile solo su prenotazione scrivendo a: direttore@bibliotecasanfrancescodellavigna.it o chiamando il 3384712423.

L’ingresso è libero, ma è gradita un’offerta a favore delle necessità della biblioteca.